Blog: http://passacantando.ilcannocchiale.it

Affondare nella melma

Ciò che è iniziato con l'arresto di Del Turco si è compiuto nelle urne, con la sacrosanta punizione del PD.
A quel punto - mancava poco alla mezzanotte - la notizia dell'arresto di Luciano D'Alfonso ha avuto il suono delle viti che chiudono la bara.

Qualcuno dovrà spiegare a Veltroni ed agli altri mandarini che gli elettori hanno capito che nel PD va avanti soltanto chi è capace e/o disposto a procurare, con qualsiasi mezzo, i soldi delle campagne elettorali e dei tesseramenti.
E gli elettori hanno capito che i dirigenti nazionali, tutti, due o tre esclusi, - quando pure non maneggino direttamente denaro illecito - offrono consapevole copertura ai procacciatori di denaro illecito.
Infine le giovani leve, quelle che ancora non occupano posti di potere o li occupano in periferia, sono della stessa risma, perché cresciute a quella scuola (del resto, i quarantenni ladri di oggi sono quelli che, prima di tangentopoli, avevano venti anni: come si vede il sistema si è riprodotto alla perfezione; e si rischia di continuare così).

E non è neanche questione di essere ex socialisti od ex democristiani, perché se Del Turco è stato arrestato e Luciano D'Alfonso pure, neanche Bassolino, da parte sua ... si sente tanto bene.

In questo quadro i pericoli per la democrazia sono sotto gli occhi di tutti.
C'è una crisi economica di portata storica, i cui effetti più gravi sono, forse, lontani dall'essersi tutti manifestati.
C'è già la disperazione di tanti concittadini.
Ci sono un governo con forti tentazioni autoritarie ed il diffondersi impunito di uno squadrismo di periferia xenofobo e fascista.

Chi farà l'opposizione ad un ipotetico regime?
I nostri mandarini?
E chi con loro?
Io, ad esempio, non ne vorrò sapere, perché opporsi ad un regime è dura, ma si può fare.
Però farlo, dovendo difendere dai propri compagni la tasca del portafogli, è davvero insostenibile.

(per maggior cordoglio, Mimmo Srour, il candidato che con altri amici ho sostenuto, è rimasto fuori del Consiglio regionale; è tempo di riflettere, ma con calma ed insieme a tutti: ogni decisione a dopo le Feste)

Pubblicato il 16/12/2008 alle 11.12 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web